Welcome to the club Made in Italy

×

in Innovazione, Persone & Brand

iCub, IL ROBOT PIU' DIFFUSO AL MONDO E' ITALIANO

All'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (IIT), una tecnologia MADE IN ITALY sviluppata per un robot troverà applicazioni anche nel campo biomedico e riabilitativo: dagli arti robotici come protesi per amputati, all’esoscheletro per gli arti inferiori come supporto a pazienti paraplegici.

iCub deriva il suo nome da "cub", in inglese "cucciolo". Ha infatti la forma e le dimensioni di un bambino di 4 anni, unico robot al mondo ad essere ricoperto da una pelle artificiale, costituita da un insieme di sensori tattili che gli permettono di "capire" se e come viene toccato e di rispondere in maniera adeguata. Possiede 53 “snodi” di movimento, la maggior parte nelle braccia e mani, per consentire azioni di presa e di manipolazione degli oggetti. Ha telecamere che riproducono la vista, microfoni per la ricezione di suoni, sensori inerziali che riproducono il senso dell’equilibrio, sensori tattili e di forza per misurare l’interazione con l’ambiente.

Queste caratteristiche rendono iCub un robot umanoide in grado di vedere l’ambiente che lo circonda, riconoscere alcuni oggetti, capire se una persona gli è di fronte, rispondere a semplici comandi vocali o al contatto fisico con le persone. A comando può afferrare oggetti ed eseguire azioni come spostare, prendere, rovesciare.

Nell’ultimo anno ha imparato a mantenere l’equilibrio sulle sue gambe anche quando viene spinto.Per questo motivo è l'unica piattaforma al mondo a consentire lo studio contemporaneo di camminata e controllo, visione e intelligenza artificiale, facoltà cognitive, manipolazione di oggetti e apprendimento.

L'obiettivo è stato raggiunto: la piattaforma è di facile uso per poter essere impiegata in qualsiasi laboratorio senza particolari attrezzature. Sono già 30 i laboratori di ricerca nel mondo che grazie al team italiano usano iCub per i loro studi sull’Intelligenza Artificiale e la robotica (Europa, Usa, Giappone e Sud Corea).

Lo sviluppo di iCub è stato sostenuto finanziariamente dalla Commissione europea nell'ambito del 6° Programma Quadro: il progetto RobotCub, iniziato il 1° settembre 2004 (durata 65 mesi), con tre obiettivi principali: la progettazione del robot iCub, la sua diffusione come piattaforma “aperta” (Open Source), e l’applicazione tecnologica dei risultati ottenuti dalle scienze cognitive.

Gli impieghi futuri di iCub saranno l'assistenza degli anziani o dei malati all’interno delle case, lo svolgimento di compiti pericolosi ma che necessitano di manualità accurata in ambienti lavorativi come aziende chimiche e farmaceutiche, ed il supporto di attività umane in contesti di emergenza e disastri naturali.

Grazie ai direttori della ricerca Giorgio Metta, Giulio Sandini!

Per maggiori info clicca qui