Welcome to the club Made in Italy

×

in Travel, Arte & Cultura

Villa Panza, fra storia ed arte contemporanea.

A pochi chilometri dal Lago sorge una dimora che racchiude al suo interno secoli di storia e una importante collezione di arte contemporanea.

Villa Panza

La Villa Panza di Biumo è proprietà del FAI (Fondo Ambiente Italiano), fondazione che si occupa di tutelare e valorizzare il patrimonio artistico e naturale italiano.
Esterno di Villa Panza - Foto di Arenaimmagini.it , 2013 © FAI - Fondo Ambiente Italiano


Il Salone Impero, dove l'arte moderna si stempera nello stile architettonico dell'800 - Photo © Giorgio Majno
Immersa in uno splendido parco e affacciata sulla città di Varese dal colle di Biumo Superiore, questa eccellenza italiana è famosa nel mondo per la sua collezione d'arte contemporanea, raccolta dal Conte Giuseppe Panza a partire dagli anni '50.


Installazione di James Turrell che spinge il visitatore al limite della percezione - Foto di Florianholzheir, 2013  © FAI - Fondo Ambiente Italiano


“Considero Villa Panza un luogo che rappresenta il cuore della cultura europea e al tempo stesso, grazie alla collezione Panza, l'unione tra l'Europa e l'America nella sua piena espressione” – Ha affermato Wim Wenders, maestro del cinema contemporaneo e fotografo di grande talento, che ha presentato nella villa una sua mostra, terminata a Marzo 2015.

 

 

La storia

Edificata nel XVIII secolo con tipico schema barocco a “U” aperta sull’enorme giardino che sembra essere sospeso sulla città di Varese, la Villa fu acquistata nel 1935 da Ernesto Panza di Biumo e successivamente passò ai suoi quattro figli tra cui Giuseppe.

Questi, tornato in Italia dopo aver viaggiato in America, cominciò ad acquistare le prime tele, arricchendo l’appartamento del primo piano con opere d’arte americana.
La sua collezione incominciò a diventare famosa nel mondo, attirando studiosi e appassionati.
Vero e proprio mecenate e pioniere nella scelta di movimenti artistici al loro nascere, che solo diversi anni dopo hanno ricevuto la consacrazione da parte di critica e pubblico, Giuseppe Panza ha fortemente influenzato gli sviluppi della Storia dell'arte, il gusto collezionistico e la visione museografica in Italia e nel mondo.

Dopo aver esaurito lo spazio disponibile del piano nobile, Giuseppe Panza adattò gli ambienti delle scuderie e dei rustici, per ospitare le installazioni d'arte ambientale dei californiani James Turrel, Maria Nordman e Robert Irwin.

La collezione Panza conta oggi circa 2.500 pezzi, comprende opere e installazioni riconosciute in tutto il mondo e richieste dai più importanti musei come il Guggenheim di New York, il Museo d'Arte Contemporanea di Los Angeles.

Giuseppe Panza donò villa e collezione al FAI, che la aprì al pubblico nel 2000.
Oltre alle opere d’arte contemporanee esposte, nei saloni e nelle scuderie si può ammirare il prezioso accostamento tra ricchi arredi del periodo XVI – XIX secolo e importanti raccolte di arte africana e precolombiana.

 

Per maggiori informazioni su Villa Panza: 

http://www.visitfai.it/villapanza/